Condono edilizio 2021, a che punto deve essere arrivata la costruzione per ottenerlo?

CONDONO

Cassazione: non è necessario che siano terminati i lavori edili, sono sufficienti coperture e tamponature dei muri

    CONDONO EDILIZIO, A CHE PUNTO DEVE ESSERE ARRIVATA LA COSTRUZIONE PER OTTENERLO?

    13/09/2021 – Per ottenere la sanatoria, è necessario che la costruzione abusiva risulti ultimata entro le date limite indicate dalle leggi sul condono edilizio. Ma quando una costruzione può definirsi ultimata? Saperlo con esattezza è fondamentale e la Cassazione, con la sentenza 33083/2021, ha spiegato quali sono le condizioni per evitare la demolizione dell’immobile.

    >>>>> Condono edilizio, come funziona nelle aree vincolate 2021 <<<<<<<

    Condono, il caso

    Il caso preso in esame dai giudici riguarda la realizzazione di un immobile abusivo. Il responsabile ha chiesto e ottenuto il condono edilizio per evitare la demolizione, ma secondo la Corte d’Appello tale condono è illegittimo perché le opere sanate non erano state ultimate entro il 31 dicembre 1993, cioè la data limite per usufruire del secondo condono edilizio, disposto dalla Legge 724/1994.

    A detta della Corte d’Appello, quindi, a prescindere dalla cubatura realizzata senza permessi, la volumetria non poteva essere assentita in sede amministrativa.


    Condono, sufficiente il completamento delle strutture

    La Cassazione ha spiegato che la Corte d’Appello è arrivata ad una conclusione errata perché è partita dal presupposto che una costruzione può essere considerata ultimata quando siano terminati i lavori edili, comprese le rifiniture esterne, mentre la struttura in esame si presentava “al grezzo”.

    Al contrario, secondo la Cassazione, per ottenere il condono è sufficiente che siano stati completati la copertura e il tamponamento delle mura perimetrali. Non è necessario che siano state realizzate anche le finiture.

    La Cassazione ha aggiunto che la Corte d’Appello non aveva tenuto in considerazione i verbali del sopralluogo, ai quali emergeva che l’immobile era già dotato delle strutture essenziali, comprendenti la copertura, le mura perimetrali e i servizi.

    Sulla base di questi motivi, la Cassazione ha accolto il ricorso del responsabile dell’abuso e annullato l’ordine di demolizione.

    UFFICIO CONDONO ROMA

    ALTRI ARTICOLI CORRELATI:




    CONTATTACI

      Commenti recenti




        Dicembre 2022
        LMMGVSD
         1234
        567891011
        12131415161718
        19202122232425
        262728293031 




        edilizia-roma-studio-tecnico-geometra

        RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

        edilizia-privata-roma
        error: Content is protected !!